I Bar di successo puntano a emozionare la clientela per coinvolgerla e fidelizzarla



L’estetica e la funzionalità sono due aspetti fondamentali per il successo di un locale. L’atmosfera che si verrà a creare nel vostro bar deve essere studiata in base al proprio pubblico e al prodotto che si propone. La capacità di un locale di mutare in base alle esigenze del momento è un aspetto fondamentale che condizionerà il suo successo, che si tratti di un locale diurno o notturno. In ogni caso, la bellezza estetica passa in secondo piano se il locale non offre un prodotto e un servizio adeguati.

L’estetica serve al locale per valorizzare il prodotto che propone ai clienti ed entrare a contatto con il pubblico nella maniera migliore. E’ più importante che il locale sia progettato tenendo a mente il cliente piuttosto che i desideri del gestore. In questo senso, non esistono locali belli o brutti, ma locali giusti o sbagliati per il pubblico al quale si rivolgono.

Dal momento che i bar sono delle attività che devono generare un reddito, la loro caratteristica principale deve essere quella di un grande effetto estetico a un piccolo costo. Il tema deve essere legato al prodotto che offrono, deve essere forte e possibilmente deve essere in controtendenza con la moda che va in quel determinato momento, in modo da offrire un’alternativa.

Se nella vostra città va di moda un certo tipo di locale, può essere forte per un gestore la tentazione di realizzarne una fotocopia, ma ricordate che il successo di un progetto è strettamente legato alla sua unicità. Evitate l’errore di creare un locale anonimo, il cui successo non potrebbe certamente essere duraturo. Se non investirete nel progetto, la resa non potrà certamente essere alta.

In passato si usava fare una distinzione tra locali diurni, che dovevano essere in primo luogo funzionali, e locali notturni, votati all’atmosfera. Oggi nessun locale può dimenticare l’aspetto estetico, a prescindere dal momento della giornata nel quale sarà aperto. Estetica e funzionalità sono due aspetti fondamentali per ogni tipo di locale: quello che cambia sono le dosi.

Nei locali diurni è importante valorizzare il più possibile il prodotto offerto al cliente, mentre nei locali notturni l’aspetto fondamentale è l’atmosfera e la capacità di intrattenere il pubblico. Tuttavia, i confini tra queste due tipologie di locali oggi sono particolarmente sfumati. I locali di grandi dimensioni cercano sempre più di proporre un’offerta trasversale, in grado di mettere assieme più funzioni, per poter ambire a un pubblico più ampio e utilizzare gli spazi in maniera adeguata.

I locali di oggi devono essere in grado di mutare, come un camaleonte, ampliando la propria gamma di proposte e giocando con le luci. Una delle soluzioni migliori è rappresentata dagli elementi modulari, che consentono di modificare il locale velocemente e di ottimizzare la gestione dello spazio. Un locale nel quale si utilizzano elementi modulari può unire aree adibiti a feste private e zone aperte al pubblico, zone nelle quali sia previsto un servizio a buffet e altre nelle quali il cliente verrà servito al tavolo, per soddisfare le esigenze di tutti.

Anche se locali diurni e notturni condividono l’esigenze di creare ambienti accoglienti per ogni tipo di cliente, alcune peculiarità continuano a distinguere le due tipologie.
In un locale aperto prevalentemente di giorno, gli spazi devono essere organizzati nella maniera più funzionale possibile, in modo da non sacrificare le dimensioni delle aree di lavoro.

Un locale dotato di una piccola cucina deve avere un’area adibita al servizio le cui dimensioni devono essere di circa un terzo rispetto a quelle totali. In passato si progettavano i locali seguendo una separazione tra la zona dedicata al pubblico, decisamente più curata, e quella destinata ai lavoratori. Oggi questa distinzione è superata, e il laboratorio di un locale spesso diventa un elemento distintivo che viene messo ben in evidenza, per sottolineare il fatto che tutti i prodotti vengono realizzati in sede.

Un altro degli elementi che appassionano il cliente è rappresentato dalla teatralità, non solo per quanto riguarda gli spazi ma anche per la realizzazione di rituali di servizio, in grado di coinvolgere il pubblico. La capacità di coinvolgere ed emozionare è uno degli elementi più importanti per conquistare l’affetto del cliente.

La capacità di coinvolgere il cliente è particolarmente importante per i locali notturni. I luoghi che più hanno successo oggi giorno sono quelli che consentono di divertirsi e di socializzare, e molto spesso che utilizzano in maniera intelligente la tecnologia. Luci e suono sono in grado di creare un ambiente pieno di atmosfera e devono essere progettati con la massima cura. Ricordate sempre che gli arredi di un bar sono soggetti a una certa usura, in particolare quelli dei locali aperti la notte. L’uso improprio, oltre che l’uso frequente, è un fattore da tenere in grande considerazione.

Per quanto riguarda le discoteche, quelle che desiderano rivolgersi in particolar modo ai giovani devono prevedere spazi di dimensioni adeguate e progettare bene la pista. Chi progetta un locale destinato a un pubblico adulto potrà sacrificare un po’ la pista (che non verrà utilizzata dalla maggior parte dei clienti) e concentrarsi su tavoli e privè. In entrambi i casi sarà presente la figura di un animatore o di un dj, che dovrà trovarsi in una posizione centrale per coinvolgere tutto il pubblico.

Per progettare un locale di successo, è importante che ci sia una buona comunicazione tra gestore e progettista. Dopo tutto entrambi hanno lo stesso obiettivo: dare vita a un progetto di successo, che possa resistere all’usura e alle mode. Si tratta comunque di un’evenienza molto rara: nella maggior parte dei casi sarà necessario effettuare un restyling periodico. Le scadenze per effettuare il restyling in genere sono di 5-6 anni per una rinfrescata e 10 anni per un rifacimento. Il termine per rientrare dell’investimento è in genere di 5-6 anni. La cosa migliore è progettare un edificio che possa essere sottoposto a periodici rinnovi senza dover modificare i muri portanti.

Ad esempio, una parte del locale potrebbe essere brandizzata, in collaborazione con un marchio sponsor, per poi modificare la scelta la stagione successiva, magari scegliendo un marchio diverso. In questo modo, sarà possibile rinnovare i colori e l’arredamento. I piccoli cambiamenti, che spesso sono molto temuti dai gestori, incuriosiscono i clienti e li coinvolgono.

Ad esempio è possibile modificare il colore di alcune pareti o appendere nuovi quadri. E’ anche possibile pensare a un rifacimento più esteso, modificando i pavimenti o i rivestimenti, dando al vostro locale un aspetto completamente nuovo in un paio di settimane, con una spesa che può aggirarsi sui 3.000 euro a metro quadro. La cosa più importante è ricordare che al primo posto ci sono sempre le esigenze del cliente. La cosa più importante è ricordare che al primo posto ci sono sempre le esigenze del cliente.


[Voti: 24    Media Voto: 5/5]